fuoco fisso o variabile?

Spazio dedicato a sistemi di mira, pallini, etc.

Moderatori: rob, MatteoL

Rispondi
Avatar utente
Garima
Lombardia FT
Messaggi: 679
Iscritto il: giovedì 12 luglio 2012, 11:12
Località: Brugherio (MB)
Contatta:

fuoco fisso o variabile?

Messaggio da Garima »

Vorrei conoscere il vostro parere o se eventualmente qualcuno ha dati o documenti che spiegano tecnicamente la scelta migliore tra un'ottica a fuoco fisso e una a fuoco variabile (su 3za torretta o campana ovviamente).
Il tutto gestito sugli ormai approvati ingrandimenti HFT e quindi 10 / 12 x

saludos
50/50
Avatar utente
MatteoL
Lombardia FT
Messaggi: 1128
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2015, 16:32
Località: MONTEVECCHIA ( LC )

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da MatteoL »

In realtà non fa grande differenza . Infatti come tu ben sai , durante la gara non è consentito muovere il parallasse. Infatti si usano pochi ingrandimenti proprio per dare modo all'ottica nell'atto della taratura un " fuoco " valevole fra i 10 e i 30 mt . Va da se che le sagome sotto i 10 mt saranno sfocate , ma così vuole la regola .
Pertanto a mio modesto parere trovo che sia comunque più comodo avere la terza torretta .


MatteoL
Lombardia FT
AA TX200 + UTG 10x44 HFT Configuration
Kalibrgun Criket + UTG 10X44 MilDot
Daystate MK4 IS Target + Sightron S3
Daystate MK4 IS S + UTG 10X44 MilDot HFT Configuration

MatteoL
LombardiaFT
matteolandenna@gmail.com
lombardiafieldtarget@gmail.com

http://www.lombardiafieldtarget.it
Avatar utente
Garima
Lombardia FT
Messaggi: 679
Iscritto il: giovedì 12 luglio 2012, 11:12
Località: Brugherio (MB)
Contatta:

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da Garima »

Quello che sarebbe interessante sapere è se la struttura di un ottica a fuoco fisso permetta di avere una messa a fuoco migliore per le nostre distanze rispetto ad un ottica a fuoco variabile.
Quel che mi viene da pensare infatti è che un fuoco fisso possa essere studiato per avere un range di fuoco più ampio poiché è per l'appunto fisso.
Se così fosse allora sarebbe più comodo x l HFT questa soluzione
50/50
Avatar utente
filemone
Lv. 5
Lv. 5
Messaggi: 855
Iscritto il: sabato 4 settembre 2010, 11:44
Località: Brescia.

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da filemone »

Marco ,ti rispondo in termini fotografici:
ottica Nikon fissa 50 mm f1,8 costo circa 200€
per avere la stessa qualità luminosa e di resa su un ottica zoom devi spendere tanto ,avevo una Angeniux 28-70 f2,8 ed sosteneva il confronto con un fisso ,ma costava a suo tempo 2.500.000 palo di lire .
Un ottica variabile necessita di un numero maggiore di lenti che assorbono luce e qualità ,oltre al meccanismo di spostamento dei gruppi di lenti .
Di conseguenza ,credo che con minor spesa si possa avere un ottica fissa che costa meno in progetto e in costruzione ,offrendo una buona qualità.
Tecnico Sportivo UITS 1° Livello carabina
Istruttore Istituzionale UITS
Avatar utente
mariotto55
Lombardia FT
Messaggi: 1127
Iscritto il: lunedì 11 ottobre 2010, 13:40
Località: Vaprio d'Adda (MI)

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da mariotto55 »

Sergio, il tuo esempio è impeccabile.
Però, la domanda di Marco non è riferita alla variazione degli ingrandimenti (zoom) ma alla messa a fuoco.
Io non ho nessuna esperienza di ottiche da caccia, però mi pare che siano a fuoco fisso proprio per non dovere continuamente variare la focheggiatura al variare della distanza del bersaglio (o preda che dir si voglia) quindi, posso pensare che siano più comode.
A.A. S400 classic + Leapers UTG 10 x 44 IE compact

A.A. TX200 depo + Besonder 8-32 x 56

Ataman M2R BP + Leapers UTG 3-12x44 AO compact

Steyr LG100 + diottra
Avatar utente
filemone
Lv. 5
Lv. 5
Messaggi: 855
Iscritto il: sabato 4 settembre 2010, 11:44
Località: Brescia.

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da filemone »

mariotto55 ha scritto:Sergio, il tuo esempio è impeccabile.
Però, la domanda di Marco non è riferita alla variazione degli ingrandimenti (zoom) ma alla messa a fuoco.
Io non ho nessuna esperienza di ottiche da caccia, però mi pare che siano a fuoco fisso proprio per non dovere continuamente variare la focheggiatura al variare della distanza del bersaglio (o preda che dir si voglia) quindi, posso pensare che siano più comode.

Sono a fuoco fisso le più economiche perchè sono posizionate di fabbrica ,attorno ai 50 metri e sfruttando la profondità di campo avrai un immagine discretamente ,prerogativa questa delle ottiche con pochi ingrandimenti.
In fotografia un ottica grandangolare "spinta "diciamo un 12 mm dovrai focheggiare dai pochi centimetri fino ai 3 metri ,oltre avrai tutto a fuoco,mentre se usi un ottica con maggior fattore di ingrandimenti ,ma mano che aumenti diminuirà drasticamente la porzione di zona che avrà la cosidetta profondità di campo .
Tralasciamo il gioco del diaframma per aumentare o diminuire la profondità dal momento che con ottiche da carabine non abbiamo il diaframma .
https://www.nikonschool.it/guida-profondita-campo/
in fondo a questa pagina alcuni esempi .


Ho questo e come puoi vedere sulla scaletta dai 3 metri all'infinito è tutto a fuoco con 12 mm di lunghezza focale.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Tecnico Sportivo UITS 1° Livello carabina
Istruttore Istituzionale UITS
Avatar utente
Garima
Lombardia FT
Messaggi: 679
Iscritto il: giovedì 12 luglio 2012, 11:12
Località: Brugherio (MB)
Contatta:

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da Garima »

Ciao Sergio!
Il link è molto carino, grazie.

Deduco quindi che "se" un ottica a fuoco fisso ha questa "zona di nitidezza apparente" più ampia ( a basse e lunghe distanze) sarà migliore la percezione di messa a fuoco generale.

Dico "se" in quanto non ho idea se questa caratteristica possa variare in base alla sceta del costruttore e quindi alle diverse ottiche in commercio.

Potrebbe quindi esistere una fuoco fisso che riesca a far vedere una immagine nitida gia a 10mt fino a lunghe distanze (si parla sempre di 10-12x) ed avere un prezzo contenuto o che eguaglia una a fuoco variabile che, anche se tecnicamente superiore, ha il suo punto debole in questo sport nel dover riuscire a dare una immagine nitida alle nostre distanze bloccando il fuoco in una "zona di mezzo", una sorta di compromesso personale tra ottica ed occhio del tiratore.
(?)
P.s. buona vigilia!
50/50
Avatar utente
Garima
Lombardia FT
Messaggi: 679
Iscritto il: giovedì 12 luglio 2012, 11:12
Località: Brugherio (MB)
Contatta:

Re: fuoco fisso o variabile?

Messaggio da Garima »

Un saluto a tutti!
riporto le mie considerazioni in merito a semplici test che ho effettuato.
Ho avuto la possibilità di scegliere alcune ottiche della Konus. Per lo meno quelle con le caratteristiche più idonee per HFT.
La scelta tra tutto il loro catalogo si è ristretta a 3 modelli.
Infatti solo questi modelli possiedono i requisiti (che ho ritenuto) necessari quali:
ingrandimento fisso o variabile da 3 a 12x,
peso contenuto,
reticolo illuminato,
messa a fuoco fissa e variabile (di questo ne parlo in seguito)

Se invece si modificano i requisiti (come ad esempio il peso o il reticolo) la scelta diventa molto più vasta.

qua sotto le ottiche scelte e le loro caratteristiche
scelta ottiche KONUS no prezzi low.jpg
la prima e la terza sono a fuoco fisso. quella centrale a fuoco variabile sulla campana.
Fattore molto importante che sul banco test ha risolto i miei dubbi sollevati nei post precedenti.
Le ottiche a fuoco fisso (o almeno le 2 testate) non vanno bene. i bersagli sotto i 25 metri appaiono troppo sfocati e diventa difficile avere una visione nitida dell'insieme.
Peccato perchè il modello 7292 - 3-12x50zoom aveva tutti i requisiti necessari per essere la candidata ideale.

la finalista è stata il modello 7273 - konuspro plus 3-12x50
ecco qualche foto
IMG_20170114_110639low.jpg
IMG_20170114_110651low.jpg
la regolazione dell'illuminazione è sulla terza torretta. Blu e rosso a 5 intensità.
click 1/4 di moa
IMG_20170114_110700low.jpg
messa a fuoco anteriore
IMG_20170114_112128low.jpg
viene fornita di paraluce e tappi

il reticolo non è dot. Ma si è dimostrato comodo sia per semplicità, finezza e stima delle distanze!
IMG_20170114_110807low.jpg
IMG_20170114_110914low.jpg
infatti, probabilmente per fortuna, posizionando gli ingrandimenti a 10x, la lunghezza della perpendicolare sotto il centro è identica alla kill zone da 4cm a 25 metri.
questo significa che ho potuto stimare rapidamente le distanze e la caduta compensando in base ai riferimenti che ho effettuato in poco tempo.
reticolo.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
50/50
Rispondi